Wide Mouth

Wide mouth

I’m your God, come from the east,

brought by the balmy breeze

made by the giant rabbit’s ears

I am the biggest grain of sand,

In the dunes I’m in command

But I’m a midget in a field of stones I may be right May be wrong

Silver Words and purple dreams

Make you whisper make you scream

Make you wish you’d never come along  You may be right                 May be wrong

Anytime and anyplace

It’s the same truth you must face

Anytime and anyplace around  You may be up      You may be down

They never know my name

I am the one who spend the dough

With a smile, because he hopes

It’s enough to pay a fleeting joy             

I’m the circle’s tiniest tree, 

The one that let a light ray in,

Even when the light is leaving home         I may be right    May be wrong

In the ashes I was found

Of an ancient house, burned down

I’m the skull, I’m what you fear the most       You may be found        May be lost

I am the frizzy hair witch, mother

of all evil yet to come,

and still the father of all good deeds done.      May be coming    May be gone

They never know my name

 

Lyrics based on the short story “Bocca Larga” by Luca Oddera

_____________

 Bocca larga

Sono il tuo Dio, venuto dall’est

Portato dalla brezza tiepida

Create dalle orecchie del coniglio gigante

Sono il granello di sabbia più grande

Comando nelle dune

Ma sono un nano in un campo di pietre  posso avere ragione o torto

Parole d’argento e sogni porpora

Ti fanno sussurrare ti fanno urlare

Ti fanno desiderare di non essere mai venuto  puoi avere ragione o torto

Ogni volta in ogni luogo

È la stessa verità che devi fronteggiare

Ogni volta e in ogni luogo in giro     puoi essere su o giù

Non sanno mai il mio nome

Bocca larga

Sono quello che spende il denaro

Con un sorriso perché spera

Sia abbastanza per pagarsi la gioia di un momento

Sono l’albero più sottile del cerchio

Quello che lascia entrare un raggio di luce

Anche quando la luce se ne sta andando

Mi hanno trovato nelle ceneri

Di una antica casa, bruciata

Sono il teschio, sono ciò che temi di più  posso essere trovato o perso

Sono la strega dai capelli crespi, madre

Di tutto il male a venire

E allo stesso tempo padre di tutto il bene fatto       forse arrivo, forse sono partito